Ecobonus 110% , sostenibilità ambientale ed equità sociale . Lettera aperta al Ministro Stefano Patuanelli PDF  | Stampa |  E-mail
Scritto da jacopo rothenaisler   
Venerdì 24 Luglio 2020 16:27

Egregio signor Ministro Onorevole Stefano Patuanelli,
gli interventi contenuti nella Legge 17 Luglio 2020 n. 77 di conversione del Decreto Rilancio, conosciuti come Ecobonus 110%, possono sortire più di un effetto positivo per il nostro Paese. L'efficientamento energetico del nostro patrimonio edilizio previsto agli art. 119 e 121 della legge costituirà innanzitutto una accelerazione nella strada del rispetto degli Accordi di Parigi della COP21 sul contenimento dell'aumento delle temperature entro i 2°C per contrastare i cambiamenti climatici (argomento che sappiamo esserle caro tanto quanto lo è per noi); il rispetto della  direttiva 2010/31/UE sulla prestazione energetica nell’edilizia che prevede ch entro l'anno 2050 gli edifici pubblici e privati costruiti nell’UE dovranno essere a consumo di energia vicino allo zero; uno straordinario

Leggi tutto...
 
Cambiare la città PDF  | Stampa |  E-mail
Scritto da jacopo rothenaisler   
Mercoledì 15 Luglio 2020 16:38

Nella seduta del consiglio comunale di Muggia che ha bocciato la realizzazione di corsie ciclabili  Antonino Ferraro, il capogruppo del partito del sindaco Marzi, ha ritenuto di esprimere il proprio voto contrario , "perché 100 bambini che partono dalla scuola in bici senza una pista ciclabile in sicurezza mi fan venire i capelli bianchi". In effetti oggi nelle strade urbane la sacrosanta esigenza di sicurezza non è garantita agli utenti deboli della strada . Chissà se il consigliere Ferraro riesce ad immaginare la gioia, la libertà, la maturità e l'autonomia che potrebbero vivere i nostri ragazzi se potessero

Leggi tutto...
 
Che la pandemia ci salvi PDF  | Stampa |  E-mail
Scritto da jacopo rothenaisler   
Martedì 28 Aprile 2020 23:10

I rischi collegati alla pandemia
La pandemia dell'anno 2020 non porta con sè solo rischi di carattere economico e politico, o, per meglio dire, quelli di carattere politico hanno anche un risvolto meno visibile alla maggioranza dei cittadini ma molto più insidioso. Il nostro viaggio nel non conosciuto è la nostra Odissea.
Le Sirene.
Avremmo bisogno della capacità persuasiva di Circe, la Circe che mette in guardia Ulisse istruendolo su come dovrà affrontare i rischi che lo attendono ancora nel proseguio del suo viaggio. Ricordate? L'astuto Ulisse, grazie alla maga, supera indenne l'incontro con le Sirene, note per il loro canto ammaliatore, affascinante ma mortale per i naviganti. Chi e dove sono oggi le Sirene da cui dobbiamo stare in guardia ? Non sono su uno scoglio in mezzo al mare superato il quale il pericolo è scampato. Sono in mezzo a noi, anzi sono

Leggi tutto...
 
Lo scherzo del Coronavirus: carriera finita per molti campioni del calcio. Ovvero piccola vendetta di un ciclista costretto a casa. PDF  | Stampa |  E-mail
Scritto da jacopo rothenaisler   
Domenica 19 Aprile 2020 21:21

Nel mondo alla rovescia scoperchiato dalla pandemia sono tante, troppe, le prepotenze inflittemi e che non sopporto più, a cominciare dalla demonizzazione di ranner e ciclisti, come se sforzarsi di mantenersi in una buona forma fisica e conseguentemente anche mentale possa essere di qualche ostacolo alla battaglia per sconfiggere il virus.

Gli unici esercizi fisici ammessi da questa corrente di pensiero sono quelli veicolati dalla cosiddetta informazione "sportiva". Le pletoriche redazioni sportive nazionali - pur avendo i mezzi per raccontare ciò che sta avvenendo a 45 federazioni, 70.000 società e quasi 5 milioni di tesserati - conoscono e dissertano di un solo argomento, del calcio, o meglio, del denaro. Mentre vengo trattato da possibile untore per il solo fatto di pensare di fare qualche chilometro in bicicletta (mettetevelo bene in testa: non è un fatto ludico, infantile o di demenza senile di uno di 72 anni, ma una meravigliosa terapia), nulla mi è dato a sapere di gloriose discipline e di come se la passano straordinari atleti. Nel tempo in cui la schiera degli ultimi, anche tra gli atleti, si ingrossa sempre più, nessuno li racconta. Non passa invece giorno senza dover ascoltare ciò che avviene solo ed eslusivamente nel finto dorato mondo del pallone. Si gioca, non si gioca, ripartiamo a Maggio , 3 campionati in uno e via di questo passo.

Ho così maturato l'irresistibile voglia di vendicarmi, almeno poco poco, fornendo attraverso una breve nota un argomento di discussione, tanto capzioso quanto vero, alla finta informazione e alla organizzazione dello pseudo sport del calcio. Mi è di aiuto proprio il coronavirus. La nota è la seguente:

Leggi tutto...
 
Coronavirus : che la pandemia ci svegli PDF  | Stampa |  E-mail
Scritto da jacopo rothenaisler   
Sabato 04 Aprile 2020 19:20

La pandemia accelera la Storia
Ci sono periodi più densi di cambiamenti. Guerre, disastri ambientali, pestilenze, hanno il potere di far accelerare la Storia. Ai cittadini, tutti tesi a garantire per sé e i propri cari un livello di sopravvivenza accettabile per il post disastro, può capitare di non rendersi esattamente conto della natura dei provvedimenti che i Governi prendono per far fronte all'emergenza. Ma, anche se è molto difficile conservarsi lucidi, proprio in questi tempi difficili non dovremmo abbassare la guardia. Perchè il mondo politico, tutto, ha sempre cercato di trarre dagli eventi catastrofici il massimo vantaggio, per sé stesso e non

Leggi tutto...
 
UN’ALTRA CITTA’ e la non risposta di Maria Grazia Cogliati Dezza PDF  | Stampa |  E-mail
Scritto da jacopo rothenaisler   
Venerdì 06 Marzo 2020 17:06

Maria Grazia Cogliati Dezza, firmandosi a nome di UN’ALTRA CITTA’, risponde così al nostro post Un'altra città Trieste – Senza riconoscere gli errori non si cambia direzione:

Gentile Jacopo,
i rilievi e le domande che lei pone sono di indubbio interesse. Le tematiche ambientali e climatiche in particolare, come quelle delle crescenti disuguaglianze, sono state, e sono, tra le ragioni di Un’altra città fin dalla sua recente origine. Il lavoro fatto su Porto Vecchio e

Leggi tutto...
 
Codogno, coronavirus e cambiamenti climatici PDF  | Stampa |  E-mail
Scritto da jacopo rothenaisler   
Martedì 03 Marzo 2020 21:06

Codogno metafora del Pianeta.
Il villaggio globale in cui viviamo si fa ogni giorno più ristretto, e così può essere che tutto stia al centro, come oggi sembra capitare al comune di Codogno. Nel comune del Lodigiano in questi giorni si incrociano, metafora del Pianeta, i due maggiori problemi che l'umanità deve affrontare. Il primo, contingente e di drammatica attualità, è l'epidemia mondiale di coronavirus che ha proprio in Codogno il centro italiano più colpito. Il secondo, di lungo respiro ma di altrettanto drammatico e rapido progredire, riguarda

Leggi tutto...
 
Un'altra città Trieste – Senza riconoscere gli errori non si cambia direzione PDF  | Stampa |  E-mail
Scritto da jacopo rothenaisler   
Mercoledì 26 Febbraio 2020 14:16

 

Che peccato. Di questi tempi la partecipazione dei cittadini è merce rarissima e , come tale, non andrebbe sprecata. Invece, l'incontro pubblico organizzato Venerdì 21 febbraio al Teatro Miela dalla rete “Un'altra città Trieste” è risultato tanto ricco di partecipazione quanto povero di idee importanti per la Trieste del XXI secolo. Ciò che uno dei relatori, Riccardo Laterza, in un'altro contesto brillantemente condensava in “ Trieste che, anche per affrontare le trasformazioni dirompenti determinate dalla crisi climatica e da quella economica, cambia ritmo, promuove stili di vita più sostenibili, salutari e attivi; Trieste capitale verde” (qui ) nell'incontro del Miela non c'è o quasi, se non di sfuggita, negli interventi dei numerosi relatori. Già l'oggetto principale dell'incontro, i 90 buchi neri, ovverossia le 90 aree ed edifici abbandonati in città e nell'intorno, pur rappresentando un elemento di grave degrado della città, non sembra essere

Leggi tutto...
 
Piove, forte come mai prima, e noi facciamo finta di niente PDF  | Stampa |  E-mail
Scritto da jacopo rothenaisler   
Domenica 04 Novembre 2018 15:32

Piove, forte come mai prima. Le bombe d'acqua fanno paura, ma siamo stati noi ad amplificare il pericolo e le conseguenze  urbanizzando e costruendo ovunque, consumando il suolo naturale capace di assorbire le precipitazioni. Per non rendere ancor più insicuro il nostro territorio dovremmo innanzitutto fermare il consumo di suolo.  Purtroppo, persino in questi giorni di lutto e devastazione ambientale nazionale c'è chi continua come se nulla stesse accadendo.  Lo sappiamo: non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire e peggior cieco di chi non vuol vedere, come il Comune di  Muggia che

Leggi tutto...
 
Rifiuti. Storia di un disastro da trasformare in opportunità. Settima puntata PDF  | Stampa |  E-mail
Mercoledì 28 Marzo 2018 23:47

Ormai ci siamo. Tra pochi giorni, a cominciare dal 3 Aprile, verranno rimossi i cassonetti stradali dei rifiuti e inizierà la raccolta porta a porta. E' da 10 anni che noi dell'associazione Impronta Muggia, attendiamo questo momento. Nel corso di questo periodo abbiamo fatto tutto quanto ci è stato possibile per indirizzare le scelte della nostra comunità, e quindi dell'amministrazione comunale, in questa direzione. Eppure oggi non siamo soddisfatti ma solo estremamente preoccupati su cosa succederà dalla settimana prossima. Perchè il porta a porta ha  grandissimi nemici, non i

Leggi tutto...
 
Rifiuti. Storia di un disastro da trasformare in opportunità. Sesta puntata PDF  | Stampa |  E-mail
Lunedì 19 Marzo 2018 21:46

L'assessore all'Ambiente del Comune di Muggia Laura LitteriIl contratto di servizio per la gestione dei rifiuti nel Comune di Muggia si firma con la NET S.p.A. ed inizia il 1° Settembre 2015. A giudicare dai documenti il pensiero unico di Sindaco, Ufficio ambiente e NET S.p.A. non sembra proprio essere “il miglior servizio al minor costo possibile”. Sembra invece concentrato sul come non fare apparire che la NET costa di più della gestione precedente. Agli utenti muggesani, per lo scorcio di anno 2015 residuo e per il 2016, vengono infatti confermate le tariffe precedenti. Nulla sembra essere cambiato. Ma è solo l’effetto di una finzione contabile. Il pesantissimo aumento previsto nel nuovo contratto viene occultato attraverso il taglio dei costi della

Leggi tutto...
 
Rifiuti. Storia di un disastro da trasformare in opportunità. Quinta puntata PDF  | Stampa |  E-mail
Lunedì 12 Marzo 2018 11:32

Il 2014 e il 2015 sono stati gli anni delle UTI volute dalla coppia Panontin/Serracchiani . Le unioni territoriali , presentate come lo strumento  attraverso il quale i Comuni , considerata la crisi economica e la scarsità delle risorse disponibili,  avrebbero potuto ottenere grandi  economie di scala unendo i servizi a livello territoriale .             L'esaltazione della riforma impegnava anche il segretario provinciale  del PD di allora, Nerio Nesladek ,  che intravedeva grandi risparmi e miglioramento dei servizi nell'unione dei comuni minori della nostra prrovincia.                    Contemporaneamente  però, nei panni di Sindaco di Muggia , lo stesso Nerio Nesladek andava a trovarsi a Udine il gestore  del servizio rifiuti per il suo Comune. Quando vuoi dire coerenza! Una volta presa la decisione da parte del sindaco Nesladek di affidare alla NET S.p.A. la gestione del servizio rifiuti il Comune iniziò  l’iter amministrativo vero e proprio.  Sulla base delle

Leggi tutto...
 
Rifiuti. Storia di un disastro da trasformare in opportunità. Quarta puntata PDF  | Stampa |  E-mail
Mercoledì 07 Marzo 2018 17:05

Se una insegnante di una quinta elementare chiedesse ai propri alunni “ditemi come fareste a calcolare il prezzo medio di un chilo di mele oggi nella nostra città” nel giro di un’oretta la classe avrebbe sicuramente individuato il metodo. Direbbero: “ cerchiamo i negozi che vendono mele, chiediamo loro il prezzo, e calcoliamo il prezzo medio dividendo la somma dei prezzi con il numero dei prezzi forniti dai negozi”. Se poi l’insegnante chiedesse loro di completare l’esercitazione con il calcolo del vero prezzo medio delle mele del giorno probabilmente ci metterebbero un pò più di un’oretta, diciamo l’intera mattinata, il tempo necessario  per trovare tutti i negozi e chiedere i prezzi. Comunque abbastanza elementare.  Non proprio, o non per tutti, almeno a giudicare dal lavoro del Responsabile dell’Ufficio Ambiente del Comune di Muggia. Per rispondere al quesito dell’insegnante elementare che a lui chiede di calcolare il costo del servizio rifiuti con il metodo del porta a porta, l’arch. Paolo Lusin -  nella sua relazione del 14 Aprile 2014 -  usa,

Leggi tutto...
 
RIFIUTI, STORIA DI UN DISASTRO DA TRASFORMARE IN OPPORTUNITA'. APPELLO PDF  | Stampa |  E-mail
Scritto da jacopo rothenaisler   
Venerdì 02 Marzo 2018 12:39

Cari concittadini,

in merito al cambio di sistema di raccolta dei rifiuti ho avuto modo di dire in più di una assemblea e di scrivere che sono state irresponsabili le modalità con cui amministrazione comunale e NET S.p.A. stanno introducendo queste novità . Per continuare ad essere informato oggi sono stato alla piazzola ecologica. Mi interessava controllare che, nel cambio di gestione, fossero state rispettate le norme a tutela dei lavoratori e capire cosa sta succedendo in questo caotico inizio marzo. Ho verificato che i lavoratori sono

Leggi tutto...
 
RIFIUTI, STORIA DI UN DISASTRO DA TRASFORMARE IN OPPORTUNITA'. TERZA PUNTATA. PDF  | Stampa |  E-mail
Martedì 27 Febbraio 2018 21:54

Abbiamo già sottolineato le irresponsabili modalità con cui amministrazione comunale e NET S.p.A. stanno introducendo quello che loro chiamano porta a porta  deliberato dalla Giunta più di 6 mesi fa - un tempo che sarebbe stato più che sufficiente ad evitare la tardiva confusa e insufficiente informazione – e ci siamo chiesti a chi dobbiamo questo stato di cose, se al Comune o alla NET S.p.A. . La società udinese è stata prescelta dal Comune di Muggia con procedura straordinaria proprio per la grande esperienza maturata nella gestione del servizio rifiuti di  decine di Comuni. A giudicare dal caos muggesano sembra quasi invece che la NET non abbia mai gestito la dismissione dei cassonetti stradali, un passaggio delicatissimo. Ma chi è la NET S.p.A.? Gestisce

Leggi tutto...
 
RIFIUTI, STORIA DI UN DISASTRO DA TRASFORMARE IN OPPORTUNITA'. SECONDA PUNTATA PDF  | Stampa |  E-mail
Domenica 18 Febbraio 2018 20:08

Nemmeno durante la settimana di carnevale si è spento il mormorio generale fatto esplodere dalla annunciata partenza del nuovo sistema di raccolta rifiuti, e sabato una piazza Marconi riempita dal tam tam della rete ha reso evidente la vastità del disagio. Se si vuole però indirizzare l’attuale giustificato malcontento verso soluzioni  possibili e utili alla collettività val la pena di conoscere al meglio la questione rifiuti. Intanto è bene ricordare che il servizio è di competenza dei Comuni i quali hanno l’onere di organizzarne la gestione e di provvedere alla riscossione delle tasse o tariffe dovute dai cittadini e calcolate sulla base del costo. Il costo del servizio – comprensivo sia delle attività degli uffici comunali sopraricordate che della raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti urbani (R.U.) e dello spazzamento strade – è totalmente a carico dei cittadini. Siamo noi a pagare il 100% dei costi del servizio, dal sacchetto al bottino al cassonetto. Sono i rifiuti a rappresentare l’attività economica più importante, assieme al trasporto pubblico, tra quelle gestite dai Comuni in totale autonomia. A livello nazionale il settore  vale qualcosa più di 10 miliardi di euro, un business enorme appetito da molti. Avendo le caratteristiche di una tassa non si può non pagare. Tutti i nuclei familiari iscritti all’anagrafe ne sono soggetti, così come artigiani, attività commerciali, negozi, aziende. Abbiamo ricordato questa ultima ovvietà perché non sono pochi i cittadini muggesani che in reazione all’attuale confusa fase di passaggio da un sistema ad un altro hanno ipotizzato di non ritirare il kit dei nuovi contenitori e utilizzare il servizio, non producendo rifiuti o magari conferendoli nei cassonetti dei comuni vicini. Fatica sprecata, si paga comunque. Il servizio rifiuti a Muggia vale intorno ai 2 milioni di euro all’anno, importo superiori alla soglia di 400.000 euro, la qual cosa rende obbligatoria l’aggiudicazione del servizio, se non gestito direttamente dal Comune, attraverso una gara europea.              
Il problema nasce qui, dall’obbligo di indire una gara, e siamo

Leggi tutto...
 
Raccolta rifiuti, storia di un disastro da trasformare in opportunità PDF  | Stampa |  E-mail
Mercoledì 07 Febbraio 2018 10:05

La marcia di avvicinamento al nuovo sistema di raccolta rifiuti che verrà introdotto nel comune di Muggia a partire dal 1° marzo è cominciata ieri sera al teatro Verdi. C'era un pienone mai visto neanche per i concerti di capodanno con tanta gente in piedi e persino in galleria. L'atmosfera, come era logico aspettarsi, non era delle migliori, e a lungo è stato impedito al primo relatore – un incaricato della NET che intendeva illustrare le modalità di conferimento dei rifiuti – di iniziare il suo intervento. Molti, se non tutti, erano infatti presenti per mostrare la propria sorpresa, imbarazzo, rabbia e contrarietà al modo con cui l'amministrazione ha gestito questa prima fase di cambiamento, ovvero la quasi totale disinformazione. Un cambiamento che è lecito definire epocale perchè tocca le abitudini consolidate – quale è quella dell'uso dei cassonetti stradali - di ogni cittadino e ogni famiglia. C'era il sindaco Laura Marzi, a cui non manca il coraggio di ripetere in ogni occasione quale è il suo concetto di democrazia - ci vien da dire un po' bolsceviismo e un po' Marchese del Grillo – , e c'era l'assessore all'ambiente Laura Litteri. Entrambe non in sintonia con l'umore evidentissimo della sala, ma soprattutto non in grado di capire e scegliere come procedere. Una , la Marzi, a ripetere “eravate informate, noi l'avevamo scritto sul programma elettorale (sic) e sono stata eletta”, l'altra ,la Litteri, a dire “dovevamo cambiare sistema perchè non funzionava” (sic sic). Noi abbiamo fatto, e ripetiamo qui, un appello agli amministratori e ai cittadini . Agli amministratori abbiamo chiesto onestà intellettuale e informazioni corrette. Ai cittadini chiediamo di continuare a partecipare per informarsi e per fare sentire le proprie proposte , ma soprattutto chiediamo di trasformare l'energia negativa attuale in energia positiva. Questo è necessario perchè i rifiuti possono essere un grande problema , se mal gestiti, o una grande opportunità se gestiti bene . I rifiuti hanno tantissime ricadute, dall'economia familiare al campo della salute pubblica , dal decoro urbano al consolidamento dello spirito di comunità quando funziona il sistema e scatta la collaborazione, fino alla disgregazione della comunità quando non funzione e non si collabora. Gli obiettivi che insieme possiamo raggiungere sono proprio la tutela degli interessi economici di tutti noi cittadini (ricordiamo che l'esplosione dei costi già verificatasi è assolutamente ingiustificata e non è legata al nuovo sistema), la difesa della salute pubblica (ci sono metodologie annunciate che potrebbero comportare l'abbandono in strada di grandi quantità di rifiuti), il sogno e desiderio di rendere Muggia più bella e vivibile . Per fare questo bisogna modificare, e molto, le condizioni economiche e le modalità di effettuazione del servizio. Insieme possiamo raggiungere questi risultati. Ci vorrà partecipazione e informazione. E tener duro. Con i prossimi articoli vi racconteremo tutto, ma proprio tutto, di questa storia, a cominciare da come le amministrazioni capaci organizzano il cambiamento in atto . Perchè il porta a porta ha un grandissimo nemico, le amministrazioni e quei gestori che non la sanno fare.

Sul sito del Comune di Muggia , alla pagina della raccolta porta a porta che trovate qui http://www.comune.muggia.ts.it/index.php?id=58378 , c'è un modulo per fare le domande a chiarimento dei vostri dubbi. Qui trovate il modulo di domande fatte da Jacopo Rothenaisler . Sono 28 : le prime 14 sono di carattere generale perchè riguardano il contratto e le condizioni economiche (pesantissime) previste, dalla 15esima sono domande che riguardano le modalità di conferimento. Fine della prima puntata.

Da ultimo : il nostro sito non consente momentaneamente di postare commenti. Rimedieremo nei prossimi giorni. Chi volesse comunque commentare può scriverci indirizzando a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Il post è pubblicato anche sulla pagina facebook  Rifiuti zero MDF Muggia

 
Apre l'orto giardino decrescita PDF  | Stampa |  E-mail
Martedì 24 Ottobre 2017 20:16

E' stato il primo campo da gioco non in terra battuta della storia di Muggia. Un luogo centralissimo, sotto alle mura del Centro Storico e alla torre Loredan , dove l'U.S. Muggesana di pallacanestro ha toccato i massimi livelli giocando per ben 2 stagioni in Serie B . Era quello il tempo del Governo Militare Alleato e i verde arancio potevano schierare addirittura 2 americani. Un luogo che ha fatto la storia dello sport e delle feste a Muggia eppure abbandonato da 25 anni, sepolto dai rovi e dimenticato. Dopo mesi di lavoro di pulizia e ripristino , realizzata la prima parte dell' orto giardino botanico di progetto, il Circolo di Muggia Decrescita Felice riconsegna il sito all'uso pubblico. Sabato 28 ottobre, dalle 9.30 alle 12.30, in salita Ubaldini si terrà la Piccola Fiera dell'abbigliamento etico . Si potranno provare e acquistare capi di abbigliamento

Leggi tutto...
 
Auguri . Per un 2017 vissuto con tenerezza. PDF  | Stampa |  E-mail
Scritto da jacopo rothenaisler   
Martedì 03 Gennaio 2017 21:34

 

Ci avete fatto caso? Provate e riflettere solo per un attimo a come la gente, noi tutti, ci rapportiamo quotidianamente con gli altri, con le cose, con la nostra città. E osservate il fiume di immagini e di filmati prodotti dalle stesse persone. Da una parte durezza, diffidenza, aggressività montante. Una corazza sempre più spessa che ci separa dal mondo esterno, quasi a temerne chissà quale contaminazione, che non può interamente giustificarsi con la precarietà e l'insicurezza del vivere attuale. Dall'altra parte una continua ricerca di fissare il bello che ci circonda e abbiamo la fortuna di stare vivendo - un amico, un animale , un panorama - visti con gli occhi incantati di chi non vuole perdersi l'attimo, e fissare nella memoria propria e in quella degli altri ciò che ci è stato donato. Per non dire di chat, sms e conversazioni telefoniche. Scambiate con gli stessi a cui

Leggi tutto...
 
Di Piazza, De Magistris, e i rifiuti PDF  | Stampa |  E-mail
Giovedì 15 Dicembre 2016 21:01

Una frase infelice capita a tutti. Se a pronunciarla è una persona pubblica ci può essere un seguito. E' quanto successo a Di Piazza con la battuta sui rifiuti di Napoli e con la reazione di De Magistris. Di Piazza, con un semplice gesto di cortesia, avrebbe potuto chiuderla là chiedendo scusa, o semplicemente riconducendo quanto detto nell'ambito della chiacchera. Invece no. Piccato dalla replica di De Magistris ha ricordato

Leggi tutto...
 
La fiaba dell'orso PDF  | Stampa |  E-mail
Giovedì 01 Dicembre 2016 15:12

 

Se lo riduciamo ad un puro calcolo matematico la questione è persino infantile. Siamo di fronte ad una nuova versione della fiaba dell'orso. Ricordate? Erano quelle fiabe a cui nessuno poteva credere, nemmeno i bambini. Lo scopo era educativo, poiché l'evidenza del palese inganno contenuto nella fiaba consentiva ai nostri genitori o nonni di ammonirci “non essere sciocco, non essere credulone”. Questa volta però – pur trovandoci sicuramente di fronte ad una fiaba dell'orso - ci sono almeno due importanti differenze. Coloro che la raccontano e sostengono insistono

Leggi tutto...
 
Giochiamo a #noisiamodiversi PDF  | Stampa |  E-mail
Mercoledì 01 Giugno 2016 21:14

Vi proponiamo il gioco #noisiamodiversi . Vi terrà occupati 30 secondi e, ai solutori, coloro che scopriranno CHI SONO I DIVERSI, garantiamo un premio fenomenale.
Giochiamo :
osservate le foto sottostanti Sono state scattate oggi :

Leggi tutto...
 
Giù dal divano
Martedì 31 Maggio 2016 23:22

Lo sappiamo bene : essere cittadini, consapevoli, informati e partecipi è una grandissima fatica e, quasi sempre , una fatica di Sisifo , considerati i risultati molto vicini allo zero, se non addirittura negativi. Allora perchè,  sapendo che non cambierà nulla , dovremmo andare a votare domenica ? 
Proviamo a mettere in fila due ragioni.
La prima , banalissima. Oltre al voto, al momento altri strumenti in mano ai cittadini

Leggi tutto...
 
Incontro pubblico con i 9 candidati Sindaco PDF  | Stampa |  E-mail
Lunedì 16 Maggio 2016 19:43

Più di 1800 cittadini  sottoscrittori di liste elettorali, 14 liste di cui ben 11 locali, 9 candidati alla carica di Sindaco, a Muggia, comune di poco più di 13.000 anime, non era mai accaduto. Cosa succede? C'è un rinnovato interesse per la politica?  O è la reazione alle mancate risposte della politica e degli amministratori dai quali non ci si sente rappresentati? E' l'incertezza del presente e la paura del futuro che spinge a trovare  soluzioni in proprio? Glielo chiederemo domani, Martedì 17 Maggio, nell'incontro pubblico che abbiamo organizzato per sentire  i candidati Sindaco.

 

 
Io Sono il Mare, dammi una mano, il 17 aprile vota SI ! PDF  | Stampa |  E-mail
Mercoledì 13 Aprile 2016 21:35

 

17 aprile:
Un voto.
Uno scampato pericolo.
Nessun rimpianto futuro!
Per attuare la transizione energetica fondata sulle rinnovabili pulite.
Perchè i territori continuino a contare.
Domenica 17 aprile vota SI !

Info :
http://www.notriv.com/
https://www.facebook.com/Referendum-2016-Trivelle-in-Mare-976925292377312/?pnref=story

 

 
"BUGIA" , la nuova sede della biblioteca comunale. PDF  | Stampa |  E-mail
Giovedì 31 Marzo 2016 21:30

La nuova sede è ultimata. Possiamo dire che la comunità muggesana, considerato il significato delle  due parole greche che compogono "biblioteca" -  biblíon, "libro",  e théke, "scrigno" – ha un nuovo “Scrigno del libro” .  Evviva la biblioteca!  Quante cose, quanti problemi sappiamo affrontare meglio attraverso la lettura, l'approfondimento , l'immersione nella storia che è sempre storia d'altri. "Chi non legge ha solo la sua vita, che, vi assicuro, è pochissimo", diceva Umberto Eco. Per questo diciamo evviva tutte le biblioteche!
Alla festa per la nuova sede però non partecipiamo. Le ragioni sono tante. A cominciare dal fatto che

Leggi tutto...
 
Democrazia a metro variabile PDF  | Stampa |  E-mail
Scritto da jacopo rothenaisler   
Lunedì 14 Dicembre 2015 09:32

 

In democrazia gli amministratori governano con spirito di servizio, i cittadini controllano attraverso la partecipazione, gli organi di stampa informano. Nel sistema protofeudale in cui stiamo precipitando, il Signorotto comanda e fa le regole, i sudditi applaudono o, al più, tacciono, e gli araldi diffondono le mirabolanti imprese del Capo. E' in questo ambivalente contesto, poca democrazia e molto feudo, che si è svolta la “Giornata della Trasparenza” indetta dal nostro Comune. Del resoconto della riunione non c'è traccia né sulla stampa locale nè nei siti del Comune, nonostante la presenza dell'addetto stampa del Sindaco. Strano, o forse no, visto che si è parlato dei diritti dei cittadini, del “controllo sociale diffuso” previsto dalla legge sulla trasparenza delle P.A. , e si sa che nel feudo è meglio che i sudditi non conoscano i propri diritti. E così l'unica cosa trapelata della riunione è l'indignazione del Sindaco/Signorotto, il quale si è

Leggi tutto...
 
Propositi feudali nel XXI secolo PDF  | Stampa |  E-mail
Scritto da jacopo rothenaisler   
Lunedì 02 Novembre 2015 19:45

Le mail che abbiamo ricevuto in questi giorni dal Segretario Generale del Comune di Muggia Santi Terranova a commento dei nostri post “Ladri di galline” non sono che l'ennesimo tentativo intimidatorio che abbiamo subito in questi anni. Dai cani e gatti che segnano il proprio territorio pisciando in ogni angolo ,fino su su alle organizzazione malavitose che impongono con la violenza il loro controllo, i messaggi che questi gesti mandano si rassomigliano tutti. Ne conosciamo bene la natura. Questo episodio però, in sé abbastanza squallido, ci viene utile. Possiamo chiarire come mai, pur continuando la nostra attività, da quasi un anno non pubblicavamo post, e perchè. Tutto ha origine da tre episodi, fatti personali che mi sono accaduti, di cui penso sia utile darvi conto. Autunno dello scorso anno. Primo episodio. Il nostro ultimo post – guarda la coincidenza – si occupava anche del Terranova comunale, del suo ruolo e dei suoi emolumenti. Con lo stile che è proprio della sua nobiltà d'animo ci aveva mandato una breve mail di commento “DI INVIDIA E DI MENZOGNE SI PUÒ

Leggi tutto...
 
Ladri di galline . W la propaganda , ʍ la trasparenza PDF  | Stampa |  E-mail
Martedì 27 Ottobre 2015 23:59

I ladri di galline hanno sempre operato con l'oscurità e grazie alla mancata sorveglianza. Le condizioni che consentono lo sviluppo del piccolo malaffare a danno dei pollai, l'oscurità e la mancata sorveglianza, sono le stesse che minano il funzionamento dei nostri enti pubblici. Con la non piccola differenza che amministratori e dipendenti disonesti non si accontentano di uova e galline. Per ovviare a questa tragedia nazionale si susseguono da almeno 25 anni leggi sulla trasparenza sempre più stringenti. E da un quarto di secolo queste leggi sono puntualmente svuotate , vuoi dall'interpretazione, la mancata applicazione, la dilazione, la prassi, e dal comportamento dei singoli. Sulla tema della trasparenza, con tutto quello che ne consegue, il Comune di Muggia può vantare un pluridecennale coerente percorso, i cui pilastri sono

Leggi tutto...
 
Ladri di galline PDF  | Stampa |  E-mail
Mercoledì 21 Ottobre 2015 16:00

Come ladri di galline. La firma al nuovo contratto per il servizio rifiuti che vale 8 milioni di euro, il più importante per il Comune, è stata messa il 15 Settembre, più di un mese fa. La nuova gestione è cominciata il primo di Ottobre. E nessuno ne sa nulla. Non riuscirebbe nemmeno a Mafia capitale far passare sotto silenzio un contratto così importante. E invece a Muggia

Leggi tutto...
 
Riforma Panontin/Serracchiani : invece della burocrazia il PD ridimensiona la democrazia. PDF  | Stampa |  E-mail
Domenica 30 Novembre 2014 12:10

Sinceramente non avremmo mai creduto che la riforma degli enti locali elaborata da Panontin sarebbe mai arrivata in aula.  La legge avrebbe dovuto prendere le mosse dai diritti dei cittadini calpestati da una burocrazia inefficiente, autoreferenziale e irresponsabile, gestita da un quadro dirigente pletorico e con livelli di emolumenti ingiustificati . La legge avrebbe potuto altresì mettere mano ai privilegi dei politici. Poichè di questo non c'è nulla,  pensavamo che la stessa maggioranza avrebbe fermato un provvedimento che allontana i cittadini dalla  Amministrazione Pubblica, attacca il lavoro locale, e colpisce al cuore le Autonomie Locali, cardini della Costituzione Italiana. Ci siamo sbagliati, al PD evidentemente piace il cittadino lontano dalle istituzioni. Così, l'eliminazione delle Province si è trasformata in

Leggi tutto...
 
La falsa opposizione al rigassificatore di Zaule nascosta nel gioco dell'oca del Piano Portuale. Così Teseco se ne andrà PDF  | Stampa |  E-mail
Lunedì 03 Novembre 2014 11:03

Ci risiamo. L'iter di approvazione del Regolatore Portuale , iniziato nel 2008, sta per fare un ulteriore passo in avanti  con i voti dei Consigli Comunali di Trieste e Muggia previsti nei prossimi giorni.  Al tempo del primo voto nei consigli comunali, il lavoro di lobby portato avanti dall'allora Presidente del Porto Claudio Bonicciolli fece si che i documenti del Piano furono nascosti ai consiglieri dalle Giunte Di Piazza e Nesladek dal Dicembre 2008 all'aprile 2009 . I consiglieri di

Leggi tutto...
 
Cosa imparare dalle frane PDF  | Stampa |  E-mail
Venerdì 17 Ottobre 2014 08:12

Bisognerebbe saper trarre insegnamento dagli eventi. Se si guarda con questo spirito alla frana di Strada per Lazzaretto di questi gorni possiamo  dire alcune cose. La prima, una cosa nota che compare in tutti gli studi regionali, è che il territorio muggesano è a rischio dissesto idrogeologico. Oggi però questo rischio è molto, molto più serio di un tempo. Le ragioni son presto dette. A scatenare frane, allagamenti, esondazioni sono i fenomeni atmosferici , estremi e non, che hanno assunto una cadenza molto più serrata a causa dei cambiamenti climatici. Quindi la prima ragione di aumento di rischio è che le condizioni atmosferiche scatenanti i fenomeni sono sempre più frequenti. Ad aggravare gli effetti dei fenomeni atmosferici, e siamo alla seconda ragione, c'è sempre

Leggi tutto...
 
Cambiamenti Climatici : per cambiare tutto abbiamo bisogno d tutti. PDF  | Stampa |  E-mail
Mercoledì 17 Settembre 2014 13:51

 


 

PERCHE' A VENEZIA CI SAREMO

 

Siamo alla vigilia di un appuntamento che riteniamo di vitale importanza.

Tra meno di una settimana a New York, presso la sede delle Nazione Unite, si riuniranno i Governi di tutto il mondo. Sono stati invitati dal Segretario Generale dell'ONU Ban Ki Moon il quale la primavera scorsa – di fronte al V Rapporto dell'Ipcc (Intergovernmental Panel on Climate Change), l'organismo dell'Onu sui cambiamenti climatici - ha rivolto ai leader nazionali una precisa accusa: le loro azioni “ mostrano un approccio dalla mentalità ristretta sul tema dei cambiamenti climatici e sono distratti, assai spesso, da questioni di rilevanza meramente elettorale”. Ed ha concluso: “Quando ci pentiremo, sarà

Leggi tutto...
 
Earth Overshoot Day: in meno di 8 mesi l’umanità ha esaurito il budget della Terra di un anno PDF  | Stampa |  E-mail
Martedì 19 Agosto 2014 20:20

 

Il 20 Agosto 2014 è l’ Earth Overshoot Day, il giorno che segna il momento in cui l’umanità ha esaurito le risorse rinnovabili disponibili per l’anno.  Stiamo vivendo oltre il limite delle risorse planetarie. Dopo questa data inizieremo ad intaccare i cicli vitali del pianeta prelevando risorse in modo non rinnovabile e accumulando anidride carbonica in atmosfera.

Proprio come le banche tracciano le uscite e le entrate, il Global Footprint Network misura la

Leggi tutto...
 
Il riordino regionale contro i cittadini e il lavoro locale PDF  | Stampa |  E-mail
Venerdì 08 Agosto 2014 21:48

 

Appunti sul Riordino del Sistema Regione – Autonomie Locali F.V.G.

Sotto attacco per privilegi, sprechi, sovrapposizioni e inefficenze, la classe politica ha lungamente tergiversato, rinviando ogni risposta minimamente adeguata ai problemi cui era chiamata a rispondere, contribuendo così a stringere ancor più il cappio che soffoca il Paese. Oggi, le risposte tanto attese da una platea di cittadini sempre più stremati e impauriti da una crisi senza fine, sembrano essere pronte. E si dovrebbe dire “finalmente!”. Però ,

Leggi tutto...
 
Quanto tempo ci vorra? PDF 
Domenica 13 Luglio 2014 10:38

 

La ricerca è iniziata più o meno 25 anni fa con l'esaurimento delle prime discariche. Comunità disperate, amministratori nel panico, han dovuto inventarsi di sana pianta metodi di raccolta con cui imboccare la via d'uscita dall'incubo dell'immondizia lasciata per le strade e nei campi, la puzza, i problemi per la salute. Non è stato facile soprattutto all'inizio, però oggi quelle comunità hanno dato luogo a metodologie di raccolta estremamente efficaci basate sulla responsabilità individuale e collettiva. Nello stesso arco di tempo, laddove inceneritori e discariche hanno continuato a funzionare

Leggi tutto...
 
Parenzana oggi - Foto quiz a premi PDF  | Stampa |  E-mail
Venerdì 04 Luglio 2014 13:25

Oggi, Venerdì 4 Luglio 2014, lungo la ciclabile Parenzana. Un foto-quiz per i grandi e i piccini. Le 4 foto, A,B,C,D, sono scattate sullo stesso tratto , ma due foto  ritraggono la parte slovena (comune di Capodistria), due quella italiana (comune di Muggia). Il confine è al ponte. Riuscite a collocarle da una e dall'altra parte?  Non è così' difficile  , però un piccolo aiutino ve lo diamo lo stesso: la

Leggi tutto...
 
S.S. Giovanni e Paolo e Comune Immobiliare S.p.A. PDF  | Stampa |  E-mail
Martedì 24 Giugno 2014 15:44

Mamme, papà, nonne, nonni, nipoti, figlie, figli, famiglie, clan, parenti tutti , muggesani , gioite! Abbiamo vinto, un bravo a tutti! La tattica del “coscienziosamente intenti a farci gli esclusivi fatti nostri” è stata coronata da un clamoroso successo . Finalmente il periodo che ci consegnerà alla storia della nostra comunità , ha da ieri la sua degna conclusione. Il progetto che cancella metà dell'oratorio Penso è cosa fatta. Dopo il Centro Giovanile Italiano, la SS Giovanni e Paolo Immobiliare S.p.A. completa l'opera. Una palazzina alta 12 metri e mezzo

Leggi tutto...
 
Appello per il nuovo Piano Regolatore Generale PDF  | Stampa |  E-mail
Giovedì 19 Giugno 2014 23:10

Care consigliere, cari consiglieri,  care concittadine, cari concittadini ,                                                                                             
il Consiglio comunale di Muggia è chiamato a deliberare sulla materia più densa di significato del  mandato consiliare, il nuovo Piano Regolatore Generale.         
Molte, e tutte legittime, sono le aspettative della nostra comunità. Dalle decisioni del consiglio dipendono gli interessi diretti della metà della popolazione muggesana proprietaria della propria casa di abitazione e di terreni, e soprattutto gli interessi più generali di tutti noi per l'assetto del territorio che verrà deliberato.
La materia è solo apparentemente complessa e specialistica. In realtà non è difficile farsi un'idea complessiva del Piano com'è e come si vorrebbe che fosse. In aiuto ai consiglieri  viene innanzitutto la Costituzione, che considera, attraverso il principio espresso all'art.9  “la Repubblica tutela il

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 4

DOCUMENTI PDF

Cerca